L’associazione Artemisia e.V. Inklusion für Alle, vuole essere uno stimolo per praticare l’inclusione anche e soprattutto con coloro che non ne sono direttamente coinvolti. Il 3 Dicembre è stato avviato un percorso di collaborazione con altre associazioni per celebrare la Giornata internazionale delle persone diversamente abili. Abbiamo trascorso insieme ad entità culturali differenti, una giornata di partecipazione inclusiva, consapevoli che l’inclusione è la base per costruire una società più empatica e accogliente, principalmente per coloro che ne vengono esclusi.

Amelia Massetti Presidente dell’Associazione Artemisia

“Inklusion geht uns Alle an” , organizzata il 3 dicembre presso l’AWO da: Artemisia e.V.| ANPI | AWO Begegnungszentrum| Bezirksamt Friedrichshain-Kreuzberg| EMERGENCY Deutschland| IL MITTE |MiNA e.V | Rete Donne Berlino |ha trovato una risposta efficace, realizzando il coinvolgimento delle persone diversamente abili e non appartenenti a culture differenti, attraverso le attività di laboratorio proposte.

I laboratori inclusivi proposti da Artemisia: Arteterapia – Musica Africana – Cucina-

Attraverso i corsi di Musica africana a cura di Moussa Coulibaly, di Arteterapia a cura di Federica Falconi e Marco Fiamin, di Cucina a cura di Tonino Pizzardi, e di Improvvisazione teatrale a cura di Hülya Karci, si è creata l’atmosfera di spensieratezza e partecipazione collettiva, che contribuisce al superamento delle differenze.

Laboratorio di Musica Africana tenuto da Moussa Coulibaly
Laboratorio di Arteterapia a cura di Marco Fiamin e Federica Falconi
Improvvisazione teatrale a cura di Hülya Karci proposto da MiNA

Non lasciate che le differenze vi separino. Usatele – questo è il potenziamento”.

Audré Lorde, scrittrice femminista afroamericana, ha sottolineato l’importanza di non contrapporre le diverse forme di disuguaglianza sociale. La condizione di indigenza dei senzatetto viene messa a confronto con quella dei rifugiati.

Laboratorio di cucina tenuto da Tonino Pizzardi,
a cui hanno partecipato anche rifugiati siriani

Lorde afferma che le storie della cultura occidentalizzata hanno condizionato gli abitanti a vedere “differenze umane nell’opposizione semplicistica reciproca” – buono / cattivo, superiore / inferiore – e di essere sempre sospettosi di quest’ultimo, anziché usare le differenze come catalizzatore per il cambiamento.

Fedora Filippi -ANPI

La serata si è conclusa con la proiezione del film-documentario “Open Heart” – nominato Oscar nel 2013 EMERGENCY NGO , diretto da Kief Davidson, proposto da Lorin Decarli,ambasciatore-volontario Emergency in Germania.

Lorin Decarli Ambasciatore EMERGENCY in Germania

IL MITTE ha pubblicato parte dell’intervento di Amelia Massetti, Presidente e fondatrice dell’associazione Artemisia.

Lucia Conti Direttore del IL MITTE

Qui l’articolo su IL MITTE

Share This